Il padrino del Royal baby sarà George Clooney.

George Clooney

George Clooney

Mancano ancora diversi mesi alla nascita del Royal baby di Harry e Meghan, ma già oggi si parla di chi avrà l’onore di fare da padrino e madrina al loro erede. Secondo l’astrologa di Lady Diana, la stessa che le predisse che qualcosa di sconvolgente sarebbe successo nel weekend del 1997 in cui perse la vita, l’erede verrà alla luce nei primi giorni di aprile.

A partire da quel momento, la febbre collettiva verso il nuovo arrivato di casa Windsor avrà tutto il modo di potersi sfogare. Ovviamente uno dei temi più importanti riguarderà i nominativi delle guide spirituali del futuro royal baby.

Come anticipato dal Daily Mail, al momento attuale è quasi certo che tale ruolo verrà affidato a George Clooney e alla moglie Amal Alamuddin. In effetti una simile opzione non era nemmeno tanto difficile da prevedere. L’attore di Hollywood più pagato del 2018 e l’avvocato più fashion del pianeta, avevano già preso parte al royal wedding tra il Duca e la Duchessa di Sussex, matrimonio celebrato lo scorso 19 maggio nella cappella di San Giorgio presso il castello di Windsor.

Nonostante le cronache rose non lo enfatizzino più di tanto, l’amattissima coppia americana e i duchi di Sussex sono legati da una profonda amicizia. I quattro si sono incontrati anche durante la scorsa estate, quando Harry e Meghan hanno avuto modo di trascorrere alcuni giorni di relax nella loro lussuosa dimora sul lago di Como. Proprio qui gli sposini hanno anche preso confidenza con Ella e Alexander, i gemelli di George e Amal, nati a giugno dello scorso anno.

Alla luce di queste premesse, diverse indiscrezioni vedono George e Amal particolarmente attivi nella ricerca del miglior outfit da sfoggiare per il giorno del battesimo. A confermare questa notizia è stato Ben Breslin, cugino dell’attore, che per l’occasione ha ammesso che il parente è talmente un bravo ragazzo da essere perfetto per fare da padrino al neonato.

Il padrino del Royal baby sarà George Clooney.ultima modifica: 2018-12-06T19:06:53+01:00da tonyym
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento